You, can not right click on this page/site, sorry :)

Cambiare Vita!

“Dieci giorni libero da qualsiasi vincolo di orario e di doveri.
Dieci giorni in cui mi godo il mio tempo e me stesso, ritrovando una pace interiore e, quel che più importa, la voglia di vivere tutto ciò che mi circonda. L’avevo scritto tempo fa: il lavoro mi svuotava, cancellava le mie emozioni, incentivando solo il nervoso per giorni tutti uguali, passati senza “sentire”, senza vivere: giorni, mesi ed anni a rincorrere ed aspettare qualcosa, solo per la sicurezza di mettere via del denaro in previsione di vivere in futuro.
Non vivere oggi per vivere, forse, domani?
No, penso che meritiamo qualcosa di più, penso che la vita sia troppo breve per sciuparla e lasciarla scorrere via …”

Esattamente sette anni fa scrivevo questo, me lo ha ricordato FB questa mattina.
Sette anni fa ero appena stato licenziato, a dire il vero mi ero stato fatto licenziare perché stanco dei giochi di potere che mi volevano complice, e perché stanco di continuare ad esistere invece di vivere. E c’è una bella differenza.
Passai i mesi dopo il licenziamento vivendo in un sogno, riprendendo la mia vita, facendo quello che adoravo, come esplorare la fantastica natura svedese, iniziare a seguire la mia passione per la fotografia e scrivere (fu allora, infatti, che aprii questo blog).
Poi, però, c’era la vita reale da affrontare, c’era la necessità di dover riprovare a seguire la strada comune, trovare un lavoro, essere come gli altri: i soldi mancavano e bisognava trovare “un” lavoro.

A marzo sempre FB mi ha ricordato che dopo il mio primo giorno di lavoro, il 13 marzo 2013, scrivevo:

“Primo giorno di lavoro: alla grande!”

Ci ero ricascato! Ancora una volta feci lo sbaglio di non sentire la mia voce interiore che mi aveva già indicato la strada che avrei dovuto seguire perché, in quel quasi anno di inattività, avevo vissuto appunto un sogno divenuto realtà a cui avevo dovuto porre fine solo per gli ovvi problemi economici.
E così, spinto solo dal bisogno di trovare i soldi per “tirare a campare”, mi rituffai nel mondo del lavoro, prendendo al volo la prima possibilità e cercando di convincermi che mi piaceva, che mi rendeva felice. E per un po’ mi sentii anche così, addirittura quasi soddisfatto e appagato: la novità, l’imparare nuove cose, il ricominciare a guadagnare bene e, quindi, il potersi permettere qualche sfizio. Ma poi?
Poi successe l’inevitabile: le novità erano finite nel tramutarsi in routine, il lavoro era stressante e noioso al tempo stesso e, soprattutto, inappagante. Perché non era quello che volevo, non ero quello che amavo: semplicemente, non stavo facendo quello che mi rendeva felice…

Ma il tempo intanto passava e io ero diventato un 40enne insoddisfatto e represso, oramai rassegnato a vivere una vita in cui avrei dovuto cercare di resistere, di esistere, dimenticandomi del tutto di vivere.
E c’è sempre una bella differenza tra le tre cose…
Ma quando poi persi non solo la voglia di vivere ma anche la sola forza per resistere, trovai la forza e il coraggio necessari per cambiare veramente la mia vita.
Ci vuole coraggio nel farlo, bisogna avere le palle nel fare qualcosa che va contro il comune ben pensare, al di fuori della strada comune. Ci vuole, forse, anche fortuna nel sapere aspettare il momento giusto e nell’arrivarci senza essersi persi, senza aver chiuso ogni possibilità al cambiamento stesso.
Non c’è un tempo preciso, non è mai troppo presto o troppo tardi per cambiare la propria vita: ognuno deve fare il proprio tragitto e le proprie esperienze, perdere le proprie battaglie e curarsi le proprie ferite perché sono proprio queste sconfitte e questi segni a farci trovare, infine, il coraggio di vincere la paura e cambiare.
E allora benedico il mio passato, benedico e ringrazio i calci in culo e le umiliazioni che ho dovuto prendere se, poi, mi hanno portato a decidere di inseguire i miei sogni.

Perché cambiare la vita si può!
E se soltanto riusciamo a credere di più in noi stessi, se soltanto riusciamo a convincerci che abbiamo dentro di noi molta più forza e risorse infinite per affrontare qualsiasi cosa, allora possiamo veramente cambiare. E in meglio.
Credetemi: qualcosa di meraviglioso ci attende, non sulla strada comune, ma sulla strada tracciata per noi e noi soltanto…

Troviamo il coraggio, vinciamo le nostre paure e cambiamo la nostra vita!

E voi, cosa ne pensate? È veramente possibile cambiare vita e fare quello che amiamo?

Leave a comment