You, can not right click on this page/site, sorry :)

Integrandosi in Natura

Avevo già accennato a come la pazienza ripaghi spesso le ore passate ad aspettare.
Ma, a parte il premio finale, che nel mio caso era il vedere di nuovo l’aquila di mare, c’è un’altra cosa di magico che accade quando si rimane, fermi e in silenzio, in Natura: diventi parte integrante di questa.
Oltre a rendersi conto di quello che succede attorno, oltre a conoscere i movimenti degli uccelli e capire da questi quando arriva un pericolo o quando qualcosa sta per succedere, c’è anche il fatto che gli animali smettono di curarsi di te e non sei più estraneo ma sei lì, in quel momento, parte della Natura.
E così, pochi giorni fa, ad appena pochi metri dalla macchina, due fagiani maschi si sono contesi una femmina: ha vinto quello che è arrivato dopo, sbucando all’improvviso dal folto dell’erba e, a suon di beccate sulla testa della poveretta, l’ha conquistata lasciando l’altro non troppo contento

Non avrò visto l’aquila, ma ho imparato e vissuto qualcosa di nuovo: un’altro dono di Madre Natura della quale ero più che mai parte integrante…

Leave a comment