You, can not right click on this page/site, sorry :)

Sereno

CONTEA DELLA SCANIA, SVEZIA //

Per quanto se ne possa pensare, qui nel sud della Svezia la neve è un fatto abbastanza raro e sporadico, soprattutto a Malmö e lungo la costa. Avere poi una discreta nevicata seguita da una giornata di sole è un fatto del tutto eccezionale.

Così quando sono tornato dalla Polonia trovando una Svezia imbiancata, dopo averne avuto un piccolo assaggio girovagando un po’ appena atterrati (poi siamo andati a riposare essendoci dovuti svegliare alle 3.30 della mattina…) e dopo aver controllato le previsioni per il giorno dopo che davano bel tempo, ho deciso di dedicare l’intera giornata ad un’uscita fotografica.

 

Avventura polacca

POLONIA, SLESIA, TYCHY, VARSAVIA //

Sono stato in Polonia per una decina di giorni, prima a Tychy (nella Slesia) e poi a Varsavia.

Nonostante il freddo, e vi assicuro che era tanto con punte di -23 gradi, sono riuscito a fare alcune passeggiate: ho potuto godere di una bella nevicata in città e poi nella foresta attorno al lago Paprocany a Tychy, e nella capitale invece ho avuto la possibilità di godere di fantastici tramonti dalle mura della città vecchia (Barbacane), dalla terrazza del Palazzo della Cultura e poi dal parco di Wilanów.

Avrei sicuramente potuto scattare più foto, ma proprio per il freddo a volte ho preferito lasciare l’attrezzatura a casa e usare l’phone.

Non ci sono rimpianti, anzi: ancora una volta torno da un’altra avventura polacca con un bagaglio di meravigliosi ricordi.

La Nebbia e il Mare

MÖLLE E RISERVA NATURALE DI KULLABERG, SVEZIA //

Sabato scorso (11 marzo 2017) è stato il primo vero assaggio di primavera, almeno per noi qui in Svezia: sole splendente, cielo limpido, assenza assoluta di vento (cosa molta strana e rara) che ha reso le temperature intorno ai 9-10 gradi ancora più sopportabili e gradevoli.
Probabilmente l’inverno non ha ancora finito il suo corso, e freddo, pioggia e forse anche neve torneranno a disilluderci, ma il tepore di un caldo raggio di sole mentre si sorseggia il proprio caffè sul balcone di casa, con il cinguettio degli uccelli in sottofondo, è qualcosa capace di cambiare completamente l’umore per chi, come noi, è abituato a interminabili mesi grigi e freddi.

Incredibile, Straordinario…

SöderåsenPARCO NAZIONALE DI SÖDERÅSEN, SVEZIA //

Abbiamo avuto un’inusuale nevicata la settimana scorsa qui a Malmö, non perché inaspettata, ma perché, passando da una pioggia battente, è riuscita, in pochi minuti, a imbiancare tutto e ad accumularne cinque centimetri abbondanti.
La notte, poi, deve aver ghiacciato così che, al mattino seguente, un cielo limpido e profondo, un sole splendente e una neve scintillante ci attendevano e ci spronavano ad affrettarci ad uscire.
Non potevamo perdere quell’occasione.

Vivere una Favola (invernale)

NELLA FORESTA, REGIONE DELLA SCANIA, SVEZIA //
Prendiamo la macchina per lasciare Malmö e andare a fare una passeggiata in Natura.
Appena fuori città qualche fiocco di neve comincia a cadere.
Lara si addormenta quasi subito: ha saltato il sonnellino mattutino ed è particolarmente stanca.
Decidiamo allora di proseguire in macchina e lasciarla dormire, anche perché, a mano a mano che ci allontaniamo dalla costa, la neve continua ad aumentare.

Siamo Veramente Sicuri?

BOSJÖKLOSTER (ABBAZIA DI BOSJÖ), HÖÖR, SVEZIA //

In un freddo pomeriggio infrasettimanale, abbiamo deciso di visitare il monastero/castello di Bosjö (Bosjökloster), sulle rive del Östra Ringsjön (letteralmente ”Lago Anello Orientale), nel comune di Höör.

Abbazia benedettina sorta nel 1080, adesso è una proprietà privata cha però lascia aperta al pubblico, dietro il compenso di una simbolica offerta per il mantenimento della struttura visto che non beneficia di finanziamenti pubblici, la parte vecchia del castello, i giardini e il parco adiacente con le sue querce secolari.

Il Freddo, gli Alberi, il Silenzio…

LAGO E FORESTA DI SNOGEHOLM, SVEZIA //

Era un po’ di tempo che non avevamo più avuto uno stretto contatto con Madre Natura, un po’ per le ferie appena trascorse in Polonia, un po’, prima, per il tempo trascorso a fare i regali di natale. Ne avevamo bisogno, tutti e tre, visto che anche la piccola Lara sembra preferire gli alberi e un cielo blu che sorvoli il suo passeggino, alle luci e alle persone di qualche centro commerciale.

Stasi

FORTEZZA (O CASTELLO) DI LANDSKRONA, SVEZIA //

Sabato scorso siamo stati alla “cittadella” (o castello) di Landskrona, una quarantina di chilometri a nord di Malmö.
Il tempo non era dei migliori, nuvolo e un po’ troppo ventoso forse per avventurarsi in una passeggiata lungo la costa; ma cerchiamo sempre di sfruttare al massimo ogni occasione per portare fuori nostra figlia, prima dell’arrivo del lungo, freddo e buio inverno svedese.

Lasciati Sorprendere

YSTAD, SVEZIA //

Domenica scorsa ero a Ystad per una passeggiata lungomare con la mia famiglia mentre aspettavamo il sorgere della Luna.
Ho posizionato il cavalletto e iniziato a scattare, ammaliato dalla Dama Lucente che, per l’occasione, si era vestita di rosso.
Ad un tratto, mi sono voltato per scoprire un fantastico tramonto.
E noi li nel mezzo, incantati da questa immensa bellezza.

Madre Natura ci ha regalato, ancora una volta, una fantastica sorpresa….

Saper Aspettare…

MÖLLE E RISERVA NATURALE DI KULLABERG, SVEZIA // Saper aspettare… Sempre.
Nella convinzione che il meglio deve ancora venire.
Nel credo che, come non può piovere per sempre, così nessuna oscurità potrà impedire alla luce di tornare a splendere.
Aspettare!
Fiduciosi che grandi cose e piccoli grandi miracoli ci attendono, anche se adesso tutto attorno a noi prova a dirci il contrario.
Saper aspettare… nonostante tutto!

Lasciando la Strada

Lasciando la strada
per perdersi
come nella vita,
ne varrà sempre la pena
se solo così
si scoprono angoli di Paradiso
nascosti e sperduti…
E allora
non toglietemi mai la voglia di esplorare
non toglietemi mai la voglia di andare…

Piccole Cose

Strana domenica, ieri.
Fiocchi di neve lenti e rarefatti che attecchiscono piano, adagiano un sottile velo che poi sparisce e ricompare, o crea solo movimentate folate sull’asfalto grigio.
E allora prendo la macchina, girovago senza meta: decide la fantasia, l’intuizione o la canzone del momento. Non ha importanza.

 

Montagne Mie

Le gambe non sono più abituate a salire, ma conoscono la strada.
I muscoli sono duri e macchinosi ma sapranno resistere.
Il fiato corto, il cuore impazzito, un’altezza che comincia a darmi alla testa.

Partire, Diverso Viaggiare

Era chiuso nella sua stanza d’albergo, al tredicesimo piano.

Le finestre spalancate lasciavano entrare aria calda, soffocante. Un cielo grigio, omogeneo tappeto sopra la città, rendeva il tutto ancora più opprimente.

Il rumore degli impianti di aerazione saliva costante dal fondo del cortile interno. Tra poco una pioggerellina costante e deprimente sarebbe iniziata per protrarsi in eterno.