You, can not right click on this page/site, sorry :)

La Più Bella di Tutte

Mi è venuto in mente ieri mentre stavo guidando, così la sera sono andato a controllare: da poco è corso il ventesimo anniversario dalla prima cosa che ho scritto, una poesia.

Niente di importante, solo una commemorazione personale.

Così sono andato a riprendere e sfogliare i miei diari dove annotavo le mie poesie, i miei pensieri, i miei racconti (prima che, ahimè, sono passato anche io ad usare il computer…).

 

Society

“This is Living” campeggiava la pubblicità dell’ultima console di video giochi.
Era questo vivere? Era veramente quella la vita per milioni di persone, e non solo ragazzini, precipitosi di correre e chiudersi a casa a smanettare joystick e tastiere per catapultarsi in una realtà irreale?
Era vivere il rinunciare alla vita per passare ore davanti ad uno schermo a combattere, uccidere, correre in macchina, fottere???

Non Ce n’è Uno Che Ritorni

Uscì da uno dei bagni a schiera dell’ufficio. Silenzio attutito e la fredda luce bianca del neon.
Si accostò ad uno dei cinque lavandini allineati sulla parete di fronte, per sciacquarsi le mani e la faccia. Forse lo avrebbe aiutato a svegliarsi dal suo torpore.

Montagne Mie

Le gambe non sono più abituate a salire, ma conoscono la strada.
I muscoli sono duri e macchinosi ma sapranno resistere.
Il fiato corto, il cuore impazzito, un’altezza che comincia a darmi alla testa.

Scrivere

Da un paio di mesi, grazie alla mia situazione di disoccupato e al prematuro arrivo dell’autunno scandinavo, faccio quello che ho sempre sognato di fare, ossia lo scrittore a tempo pieno.

Sognare ad occhi aperti? Illudersi? Oppure solo fare qualcosa per tenersi impegnati?

 

Tramonto

TrIl cielo scivola veloce anche stasera.
Tappeto di nuvole a gregge che segue l’istinto del branco.
Il cielo non si ferma neanche stasera, se ne frega di tutto e tutti, continua per la sua strada.
Veloce, disinteressato, autonomo, corre infinitamente nell’infinito.